stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 13 febbraio 2018

I vantaggi del mobile programmatic advertising

Vista la customer experience sempre più frammentata, il programmatic è il futuro dell'advertising

programmatic tradelab

Ormai i dispositivi mobili hanno acquisito un’importanza fondamentale all’interno delle nostre vite. Qualsiasi uso noi ne facciamo, dal leggere articoli a condividere contenuti all’acquisto di prodotti dei nostri brand preferiti, non possiamo stare senza smartphone. Secondo quanto evidenziato nell’ultimo Global Mobile Report di Comscore, nel nostro paese il 62% del tempo speso online è passato su mobile; inoltre circa il 26% degli italiani accedono sul web esclusivamente dai loro dispositivi mobili. Dunque in quest’ottica, con una customer experience sempre più frammentata, il futuro sembra essere del programmatic, come sottolinea Tradelab.

 

Secondo le previsioni di eMarketer entro il 2019 più di 4 dollari su 5 investiti sul digital display (circa 45,72 miliardi di dollari) passeranno attraverso processi automatizzati. Circa l’80% della spesa pubblicitaria sul programmatic andrà sul mobile. La motivazione di questa tendenza? Il programmatic riveste ormai un ruolo importante per i brand nell’identificazione del proprio target e nell’individuare i bisogni e gli interessi dei consumatori. Ecco i vantaggi individuati da Tradelab nell’acquisto mobile in programmatic che ha raccolto un un’infografica.

 

  1. Targettizzare gli utenti in maniera efficace
  2. Raccogliere insights sull’utente
  3. Data e inventory
  4. Comunicare in maniera non invasiva
  5. Misurare per una migliore ottimizzazione

 

 


Targettizzare gli utenti in maniera efficace

Il binomio mobile e acquisto media in programmatic si traduce in nuove possibilità di targeting in termine di contesto, geolocalizzazione e abitudini di consumo degli utenti. Ad esempio, i location data (dati di geolocalizzazione) permettono di individuare gli utenti che si trovano nei pressi di punti di interesse per il brand (palestre, supermecati…) e coinvolgerli con messaggi pubblicitari customizzati.

 

tradelab programmatic

 

Grazie allo storico dei dati di geolocalizzazione è inoltre possibile creare dei segmenti specifici di audience sulla base dei comportamenti ( persone che vanno al cinema il sabato sera, persone che vanno in palestra ogni mattina…) che aiutano a dettagliare ancora di più il target e ad aumentare l’efficacia di una campagna.

 

related

 


Raccogliere insights sull’utente

Il programmatic mobile permette di avere pieno controllo del funnel di conversione dell’utente; inoltre, questo consente di identificare in tempo reale la posizione che l’utente occupa all’interno di questo funnel. Ciò consente di conoscere meglio l’ audience e di adattare di conseguenza lo storytelling pubblicitario sulla base degli insights raccolti.

 

tradelab programmatic

 


Data e inventory

Le inventoty web mobile e in app sono in gran parte disponibili in programmatic. L’attivazione di segmenti di dati qualificati permette di raggiungere l’audience migliore e di indirizzare la pubblicità in maniera customizzata sulla base degli interessi dell’utente.

 

tradelab programmatic

 


Comunicare in maniera non invasiva

Nel mobile si può avere una comunicazione impattante attraverso la gestione della durata di esposizione del messaggio pubblicitario. Infatti il controllo dei diversi touch point e un capping unificato permettono di non sovresporre l’utente al contenuto rischiando di infastirlo ma di creare invece uno storytelling efficace.

 

tradelab programmatic

 


Misurare per una migliore ottimizzazione

Inoltre, per misurazione non si intende solo il monitoraggio diretto della campagna. Infatti il programmatic permette di misurare anche il valore incrementale generato dalla pubblicità online su mobile per valutare l’integrazione dei canali più performanti, e che hanno generato fatturato aggiuntivo, all’ interno nel piano di comunicazione dell’inserzionista.

 

tradelab programmatic

newsletter

in evidenza

newsletter

MyMarketing.net