stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 16 Settembre 2014

Video, Facebook fa la guerra a YouTube

Facebook vuole il video online tutto per se. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, infatti, negli ultimi mesi il social network ha ripetutamente contattato alcuni produttori di contenuti video per incoraggiarli a pubblicare cose sulla propria piattaforma. Obiettivo: fare la guerra a YouTube, il più grande portale di caricamento di video digitali, proprietà nientemeno che di Google.

Secondo il magazine statunitense, l'intenzione della creatura di Zuckerberg è quella di “diventare un distributore di video ancora più importante, cercando di spostare all’interno di sé un numero più alto di contenuti video”. Una volontà espressa a mezza voce dalla stessa azienda: una portavoce di Facebook contattata dal Wall Street Journal ha sostenuto che l’azienda “è regolarmente in contatto con i produttori di contenuti – inclusi quelli video – riguardo come utilizzare al meglio le funzioni di Facebook”. Come riporta poi Il Post, gli stessi utenti e profili fi grandi aziende stanno iniziando a preferire Facebook alla società di Big G: basti pensare come i Maker Studios (di proprietà della Disney) e la Collective Digital Studio (che ha prodotto la nota serie dell’Annoying Orange) hanno cominciato a caricare i propri video su Facebook anziché utilizzare il lettore video del social per YouTube, quello strumento cioè che permette di guardare video caricati su YouTube mentre si naviga all’interno del social network, potendone comunque raggiungere il sito con facilità.

Il prossimo passo sarà quello, ovvio, di iniziare a instaurare la pubblicità per i video caricati sulla piattaforma. Come conferma, ad esempio, Adam Dornbusch, capo dei programmatori della GoPro, l’azienda che produce le omonime telecamere ad alta definizione, che sostiene come Facebook stia studiando il modo per «cercare di fare soldi con questi contenuti» trasmettendo prima di essi dei video pubblicitari. Un’altra fonte del Wall Street Journal ha detto che Facebook diffonderà un prodotto specifico per aggregare le pubblicità ai propri video “entro l’anno”. Tutti segnali, questi, che evidenziano la volontà di Facebook di entrare a 'sportellate' nel filone d'oro dei video online; cercando, ovviamente, di erodere la base della più grande piattaforma del settore. Tuttavia, come successe per YouTube, anche Facebook potrebbe ritrovarsi a dover affrontare le proteste degli utenti per gli ads inseriti prima dei video: un problema che YouTube ha risolto inserendo l'opzione dello 'skip' dopo cinque secondi, e che si vedrà come verrà affrontato dal social di Zuckerberg.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net